Filtra

Fiume Chiese

Alto Garda e Ledro

Camping Val Rendena

Giudicarie e Val Rendena
Consigliato da Pescare in Trentino

Ci sono angoli del Trentino che, per fortuna o per sfortuna, non sono ancora stati vittime del turismo di massa. Quel turismo, costituito anche da pescatori, che rovina un corso d'acqua, arrivando a compromettere la sua vitalità, obbligando a pesanti semine per tenerlo in vita, come se fosse un malato terminale. Questi angoli, reconditi e misteriosi, riguardano non solo i laghi del Trentino, bensì anche fiumi e torrenti, che meritano una divulgazione a patto che il lettore sia consapevole di andare a pesca in un mondo meno "commerciale" e più consapevole, dove sarà possibile incontrare un ambiente ancora intatto, rimasto così com'era nei secoli dei secoli. Angoli del genere si trovano sia nel versante orientale che occidentale del Trentino: uno di essi è costituito dalle valli scavate dal fiume Chiese, dove sono stato a pesca vivendo un'avventura indimenticabile

Caratteristiche del fiume e pesci presenti

Il fiume Chiese sorge in Val di Fumo alle pendici dell'Adamello (uno dei contesti più spettacolari che conosca), e percorre la Val di Daone fino a giungere in pianura e proseguire verso il Lago d'Idro, dove si immette e prosegue la sua corsa in territorio lombardo. La sua vita è legata all'energia idroelettrica: è sbarrato più volte in Val di Daone ed anche prima di Storo. Ciò determina una portata del fiume non particolarmente abbondante, che è comunque costante, quindi favorisce l'attività di pesca in tutti i periodi dell'anno. L'ambiente è molto selvaggio e, tranne nelle zone delle dighe, il Chiese non ha subito i condizionamenti dell'uomo. Anzi, in molti punti è rimasto intatto, quindi offre un ambiente èlitario per il pescasportivo. La popolazione è costituita da trote fario rigorosamente autoctone, trote marmorate, ibridi, qualche temolo d'immissione. I pesci sono in condizioni di salute eccellenti; risultano essere molto combattivi anche se di piccola taglia. Una nota sulla stazza delle prede è d'obbligo: il contesto fluviale è ristretto e gli spazi spesso sono molto angusti, con cascatelle, buche, correntine. In circostanze del genere, trote di grossa taglia sono rare e preziosissime, quindi la pesca assumerà ancor più un carattere sportivo.

Regolamento

La pesca sul fiume Chiese è regolamentata in due modi: su prenotazione (da 2/3 a massimo 5 ospiti per zona al giorno) e zona libera, senza alcuna limitazione sui partecipanti. Personalmente ho scelto di pescare nella zona libera C, che parte da Pieve di Bono dopo il termine della No Kill 2 e prosegue a salire verso Daone e il Lago di Ponte Morandino. Vorrei offrire al turista un quadro completo di una pescata anche improvvisata, per la quale non si ha tempo di fare una prenotazione il giorno stesso dell'uscita. In ogni caso, raccomando anche le zone di prenotazione (sono tutte No-Kill) per chi volesse sperimentare tratti ancor più particolari, dedicati alla pesca a mosca e spinning (attenzione, non è sempre possibile praticarlo nelle zone no-kill - informatevi bene!). Detto ciò, passiamo al regolamento. Il fiume Chiese è gestito dall'Associazione Pescatori Dilettanti Alto Chiese e per pescarvi occorre acquistare un permesso giornaliero dal costo di 16€ (anche senza licenza di pesca di tipo B). L'apertura è fissata all'ultima domenica di febbraio e la chiusura al 30 di settembre. Il permesso consente di catturare fino a 5 trote, con misura minima della fario pari a 22 centimetri. Si pesca sempre ed esclusivamente senza ardiglione, sia con le esche naturali (camola, lombrico), sia con le esche artificiali (minnow, cucchiaino, rotante, gomme). Il regolamento potrebbe aver subito cambiamenti, quindi meglio contattare il 338.8670556 o scrivere una mail a info@associazionepescatorialtochiese.com per maggiore sicurezza.

Attrezzatura consigliata

Il fiume Chiese può essere affrontato sia a mosca, sia a spinning che con una teleregolabile, pescando al tocco. Vi suggerisco di provarlo a spinning, impiegando attrezzature leggere composte da una canna di 1,80/2 metri, monopezzo o in due pezzi, ad azione 4/12 grammi. Il mulinello, un taglia 20/2000, dovrà ben bilanciare la canna e renderla piacevole in pesca, perchè c'è molto da camminare e meno ci si stanca, meglio è. Per le esche, consiglio cucchiaini da 6 grammi, con amo singolo senza ardiglione. La sportività è anche nel concedere più spazio di vittoria al pesce, ed un amo barbless è quello che ci vuole pescando sul Chiese. Infine dotatevi di waders o cosciali perchè gli spostamenti da un bordo all'altro sul fiume sono davvero necessari. Le sponde sono abbastanza infrascate e c'è necessità molto spesso di pescare a piede bagnato.

Itinerari nei dintorni

Scopri gli spot di pesca più vicini

Lago di Ledro

La pesca con la canna fissa è una tecnica dal fascino ammaliante. Un ritorno alle origini, a quando eravamo bambini ed abbiamo iniziato a pescare con i nostri genitori, o i nostri nonni. Vi ricordate? Trovare uno spot dove poter pescare decine e decine di pesci con la telescopica fissa, magari in un contesto naturalistico d'eccezione, con acque cristalline e sponde verdeggianti, sembra essere qua

Laghetto Il Salmerino Alpino

In primavera, d'estate o in autunno, il Trentino e la pesca conoscono un periodo particolarmente florido. I turisti che visitano la provincia di Trento, oltre a godere delle straordinarie bellezze paesaggistiche e storiche, si interessano anche ad attività oudoor come il trekking, le escursioni e... la pesca. Capita molto spesso che, alla vista di torrenti mozzafiato e laghi meravigliosi, il "sam

Lago di Tenno

Il lago dell’Isola che non c’è. La prima volta che ho sentito parlare del Lago di Tenno è stato nel 2015, quando un negoziante di pesca me l'ha descritto dipingendolo così. Un nome del genere evoca ricordi fantasiosi, che si vivono da bambino, e lascia anche spazio all’immaginazione. Ho fatto ricerche, mi sono informato chiamando l’associazione locale. Poi, ad aprile dello stesso anno,