Filtra

Basso fiume Sarca

Alto Garda e Ledro

Hotel Vezzano

Valle dei Laghi e Valle dell'Adige
Consigliato da Pescare in Trentino

C'è un fiume in Trentino la cui fama va oltre i confini geografici dell'arco alpino e arriva oltre la Pianura Padana o le lande austriache e tedesche. Si tratta di un fiume che nasce dalle Dolomiti di Brenta, che si muove lungo vallate che solcano montagne e, successivamente, incontra la pianura nella parte bassa, dove lambisce luoghi dalla bellezza paesaggistica unica e spettacolare. Al termine della sua corsa, si getta nel Lago di Garda, il lago più grande d'Italia. Tutto questo è il fiume Sarca, un paradiso per la pesca sportiva dove la nostra disciplina può trovare la sua massima consacrazione:  pesca in acque pulite, molto curate e di notevole pregio, ricche di pesce di taglia e meta di tanti appassionati, nonchè spot oggetto di campionati di alto livello, anche mondiali. Se a questo ci mettete anche la possibilità di effettuare una vacanza di pesca in un hotel per pescatori come l'Hotel Vezzano, che si affida ad una guida di pesca esperta e competente come Simone Beuzer, conosciuto anche come Simone PescaTrentino Arnoldo, comprenderete quando la pesca nel basso corso del fiume Sarca deve essere sicuramente inserita nel calendario delle prossime uscite di pesca. Il "ritorno dell'investimento", se così si può dire, è pienamente garantito

Caratteristiche del basso fiume Sarca e prede presenti

Il Sarca è un fiume con un corso piuttosto lungo. Si divide solitamente in alto Sarca e basso Sarca. L'itinerario odierno focalizza la sua attenzione sul basso Sarca, che presenta tratti particolarmente interessanti come il Sarca del Limarò, il Sarca alle Marocche, il Sarca al Ponte Romano o il Sarca nella zona di Arco, proprio dove è ambientato il servizio fotografico. In molte di queste zone è necessario affidarsi ad una guida di pesca esperta cpme Simone, che sappia accompagnare il pescatore sul luogo e possa consigliare le attrezzature migliori per catturare prede come trote fario e trote marmorate di notevole fattura, in ottima salute, combattive e particolarmente divertenti. In particolare, ho frequentato la zona UNK2, riserva No-Kill, riservato alla pesca a mosca. Il tratto è di facile accesso, comodo e si è subito in pesca. L'acqua scorre con una velocità sopportabile, sicuramente sostenibile sia pescando a ninfa e a mosca secca. Le sponde sono ampie e il fondale degrada dolcemente. Le prede principali sono sempre le trote fario di buona taglia, con la presenza di qualche marmorata, che meritano di essere "pizzicate" e rilasciate col massimo della cura.

Regolamento per la pesca in basso Sarca

Le acque in concessione all'Associazione Pescatori Basso Sarca vanno dal misuratore in località Sarche fino alla foce del fiume nel Lago di Garda. Ci sono diverse zone a regime ordinario, pronta pesca e no-kill. Ce n'è per tutti i gusti e i regolamenti sono diversi a seconda dei tratti. La pesca è sempre vietata il venerdì non festivo. L' apertura è fissata alla seconda domenica di febbraio e la chiusura è al 30 settembre, ma con la deroga che prevede la pesca anche ad ottobre, è possibile pescare solo in no-kill in alcuni tratti specifici proprio come l' UNK2. Qui si pesca solo con la mosca, con un solo amo senza ardiglione. Il pesce catturato va immediatamente rilasciato e, nella stessa giornata, sarà consentita la pesca solo in altre zone no-kill come la UNK1 (più a monte) e GNK. Il permesso giornaliero ha un costo di 17€ e può essere acquistato anche senza licenza. In caso di dubbi o perplessità, contattare l'Associazione Pescatori Basso Sarca all'indirizzo info@apbs.it oppure telefonare al 366.4090401 (Guardiapesca Regaiolli Vincenzo).

Attrezzature per la pesca in basso Sarca

La pesca a mosca e lo spinning sono le tecniche che fanno da padrone pescando in basso Sarca. Si può anche tentare la fortuna con le esche naturali come camola, lombrico e la lunga teleregolabile, pescando al tocco, proprio come avviene durante le gare alle quali ho anche assistito più volte dall'alto. Personalmente, però, preferisco tecniche più inclini alle mie corde, quindi consiglio di approcciarvi al Sarca con una canna da mosca e relativa coda di topo, armate di ninfe con amo senza ardiglione. Oppure, se siete in voga di fare spinning, una canna di 2,10 metri con azione 5/15 grammi, un mulinello taglia 2.500/3.000 ed una scorta di cucchiaini del 9/12 (misure Panther Martin) sono più che sufficienti. Indispensabili, se non obbligatori, i waders, per entrare in acqua e passare da una sponda all'altra alla ricerca delle trote spesso nascoste tra gli anfratti del Sarca.

Simone Beuzer, Guida di Pesca per pescare sul basso Sarca. Scopri di più!

Hotel Vezzano: ospitalità trentina e servizi per pescatori

Itinerari nei dintorni

Scopri gli spot di pesca più vicini

Lago Bagattoli

Il Trentino è tra le mete più visitate dai turisti italiani. Molti sono pescatori e, durante il periodo vacanziero assieme alla famiglia, non dimenticano la passione per la pesca: anche se con la mente pronta a svagarsi, non riescono a restare impassibili dinanzi a laghi meravigliosi, fiumi e torrenti a dir poco stupendi. Tuttavia il problema principale resta la licenza di tipo B, magari per chi

Lago di Nembia

Avete mai desiderato di pescare in un lago alpino, con l’acqua color verde smeraldo, ricco di trote di taglia ed incastonato in una cornice naturale da mozzare il fiato? Lasciate perdere il mondo di Morfeo. Non è un sogno, bensì una fantastica realtà per la pesca sportiva del Trentino. Il Lago di Nembia sorge a pochi kilometri dalle rinomate Molveno ed Andalo, ad ovest di Trento. È un lago a

Lago di Ledro

La pesca con la canna fissa è una tecnica dal fascino ammaliante. Un ritorno alle origini, a quando eravamo bambini ed abbiamo iniziato a pescare con i nostri genitori, o i nostri nonni. Vi ricordate? Trovare uno spot dove poter pescare decine e decine di pesci con la telescopica fissa, magari in un contesto naturalistico d'eccezione, con acque cristalline e sponde verdeggianti, sembra essere qua