Spinning sul torrente Noce in Val di Non

Zona Biotopo NKB1

Quest'anno ho voluto fare le cose in grande. Da tempo bramavo l'idea di esplorare il torrente Noce in Val di Non, in un tratto "proibito" fino al 2017 perchè biotopo, quindi riserva naturale. L'anno scorso, vuoi per impegni vari, vuoi un po' per l'enorme afflusso di pescatori, non ero riuscito ad andare a pesca nel tratto NKB1, aperto al pubblico dopo 25 anni di divieto. Col susseguirsi delle settimane avevo notato molto interesse, e mi era venuta l'acquolina in bocca quando su Facebook avevo visto "girare" foto di trote selvatiche catturate a spinning e mosca. Dopo lo stop forzato dell'inverno, ho aspettato silenziosamente il 1° Giugno, giorno di apertura del tratto NKB1 e... alle 17.30, come da copione, ero puntualmente sul fiume per iniziare la perlustrazione.

A pesca sul Noce, tratto NKB1

Entro in pesca immediatamente. Sono l'unico pescatore anche se, dopo aver incontrato il guardiapesca, scopro che in mattinata la zona è stata già battuta da altri spinner. Effettuo i primi lanci e intravedo qualche inseguimento. Il pomeriggio inizia molto bene! Mi sposto pù in avanti, dove una correntina genera un bel movimento d'acqua. Qualche recupero un po' arzigogolato, strappo e strike: prima cattura! Purtroppo, nellla foga del momento e per via dell'ardiglione, la trota si sgancia e la perdo. Riparto, sempre dal punto della cattura. Lancio in avanti, cammino a gambe in acqua e, nell'effettuare un recupero in stile "passata", avverto una forte trazione. Stavolta è lei! Un discreto ibrido, stimato 25/27 centimetri, che si dimena fino a lasciarsi andare nel guadino. Foto di rito e, poi, rilascio nelle acque del Noce. Si continua, sempre risalendo il torrente. La natura circostante è rigogliosa, illibata, e la mano dell'uomo sembra non essersi ancora posata. Fotografare questo ambiente mi consente di riviverlo quando vorrò, anche in questo momento in cui racconto la mia esperienza a tutti voi. Altri lanci, altri inseguimenti, altre emozioni. Più in avanti, a mezzo chilometro dal punto di partenza, perdo una trota sul filo del rasoio. Testardamente rilancio, recupero e, inaspettatamente, un'altra preda si aggancia al cucchiaino. Forse quella che avevo perso un minuto prima o, chissà... Porto al guadino una fario dalla livrea chiara, con puntini arancioni particolarmente sgargianti. La pescata si conclude. Devo tornare a casa, mia moglie mi aspetta. Il Noce, invece, mi attenderà silenziosamente per un altro incontro, magari a fine agosto o settembre, quando sarò sicuramente solo, un'altra volta.

Come arrivare

Il tratto NKB1 non presenta particolari difficoltà di accesso. Per arrivare, occorre prendere la strada provinciale che porta a Cles e nei pressi di Campodenno si noterà un passaggio a livello, con comodo arrivo sul torrente. In ogni caso, basta seguire le indicazioni di Google Maps che ho inserito qui. Costeggiate il sentiero che porta al Noce e iniziate pure a pescare. Ricordo a tutti che si tratta di una zona speciale, quindi il permesso giornaliero ha un costo di 25€, si effettua solo No-Kill con amo senza ardiglione sia a spinning che mosca. Ovviamente obbligatoria la licenza di tipo B.

Pubblicato il: 28/06/2018 21:53
Autore: Marco de Biase

Itinerari di pesca

Scopri i migliori spot per pescare in Trentino

Elenco completo

Laghetto di Ponte Alto

Avete mai desiderato di pescare trote in un laghetto a pochi passi da casa? Magari un laghetto dove praticare catch & release pescando a mosca o ad area trout con attrezzature leggere? Oppure un laghetto per appassionati di trota lago, che amano dilettarsi con galleggiantino e vetrino? Ed ancora, se vi dicessi che tutto questo esiste, che non è un sogno, e che possono frequentarlo nei weekend

Torrente Barnes

Cos'è la pesca per voi? Per me è soprattutto avventura. Il pesce viene in secondo piano. Prima di tutto è contatto con la natura, rigenerarsi, respirare aria pura con le gambe immerse in un torrente. In secondo luogo è una sfida: vincere la differenza di una preda, ingannarla, combattere la sua resistenza. Terzo, pescare vuol dire anche rispettare l'animale, quindi rilasciarlo. Se la dimension

Rio Brusago

In estate, quando il caldo non offre tregua, cosa c'è di meglio che andare in montagna oltre i mille metri di quota e concedersi una sana e rigenerante battuta di pesca in un rio? Quei classici "torrentelli" spesso snobbati, che non destano l'attenzione di molti ma inaspettatamente diventano paradisi per pochi pescatori, che scelgono di affrontarli consapevoli che vi si nasconde un tesoro chiamat