Filtra

Pesca a mosca in Trentino con la Guida

Un'esperienza di pesca sul Basso Sarca

Approcciarsi ad una nuova tecnica come la pesca a mosca può essere molto complesso, addirittura complicato e controproducente. Gli aspetti tecnici, le esche, le differenze tra la variante della mosca secca e della ninfa, il lancio, la trattenuta, il recupero... concetti che sembrano apparentemente semplici ma, a parlarvi in totale sincerità, diventano di difficile applicazione se non seguiti da qualcuno che abbia la giusta esperienza in materia. Per pescare correttamente con la pesca a mosca occorre seguire un corso di lancio con un istrutture per imparare al meglio ed una lezione non è sufficiente. Ma se si vuole provare una parte della pesca a mosca, cioè la ninfa, che non richiede la capacità di eseguire un lancio, ci si può affidare Simone "Arnoldo" PescaTrentino, esperta guida di pesca che assicura fin dalla prima uscita la possibilità di catturare qualche trota nelle acque trentine, ideali per questa disciplina. Ed è proprio quello che ho fatto! Da diversi mesi, ormai, sentivo il bisogno di accrescere le mie competenze in fatto di pesca d'acqua dolce. Pian piano ho cominciato ad avvicinarmi al mondo della pesca a mosca: dapprima come spettatore e, poi, con una lezione di pesca a mosca in Trentino con Simone Beuzer che vi racconto nei particolari.

Lezione di pesca a mosca sul Basso Sarca in Trentino

 

L' incontro con Simone, una vera e propria lezione di pesca a mosca, è stato concepito per provare una parte della pesca a mosca: una mano esperta pronta a guidarmi in un mondo meraviglioso, che apre la mente ad un nuovo modo di interpretare la pesca. L'abbiamo fatto pescando lungo le sponde del basso Sarca in Trentino, nel mese di ottobre, periodo in cui la pesca alla trota è ancora aperta e si pesca in regime no-kill. Appena arrivati in loco, Simone ha predisposto tutto l'occorrente per la battuta di pesca. Canna di pesca e mulinello preparati appositamente per il principiante (il sottoscritto), lenza e due terminali. Oltre all'attrezzatura, Simone mi ha spiegato la filosofia del moschista, l'obiettivo della pescata, gli stili di recupero e lancio, le differenze tra pesca a mosca secca e ninfa. Tutto nel dettaglio, con fare sicuro e ottima proprietà di linguaggio.

Guida di pesca a mosca in Trentino

Entriamo in acqua. L' avventura, anzi la lezione di pesca a mosca può cominciare per davvero perchè dopo la teoria occorre approfondire con la pratica. Simone è molto discreto e paziente, infatti preferisce non mettermi fretta e mi lascia esplorare l'attrezzatura. È la prima volta che impugno una canna da mosca e tocco una coda di topo! Poi, quando gli riferisco di essere pronto, Simone si avvicina e mi spiega la dinamica del lancio. Pescando a ninfa non si effettua un lancio con la canna all'indietro, bensì una combinazione di movimenti dolci, precisi, che devono presentare l'esca in modo naturale verso monte. Dopo il lancio, Simone mi introduce il concetto della trattenuta e, successivamente, mi indica il modo migliore per recuperare una preda, simulando un'ipotetica cattura. Ammiro i suoi movimenti aggraziati e la capacità che ha di trasmettermi trucchi e consigli della pesca con la ninfa. Sento di essere pronto per applicarli e lo faccio dinanzi a lui, che mi osserva e mi incita a continuare.

Pescare a mosca sul basso Sarca con una guida di pesca

Il basso corso del fiume Sarca in Trentino è veramente al top. Le condizioni sono molto buone per essere ad ottobre inoltrato. Non fa freddo e le trote sembrano gradire le ninfe proposte da me e Simone. Ha tanto da insegnarmi e, dopo un primo susseguirsi di lanci, cattura la sua prima trota. Una fario di buona pezzatura, dalla livrea magnifica e dall'ottima combattività. Eppure, mi dice Simone, pescando a mosca posso ambire a catture molto più grosse. Sarà così? Effettivamente il suo ragionamento non fa una piega. Altri recuperi, altri lanci, si prosegue verso monte e le prede non mancano. Altre trote cadono nella trappola della ninfa di Simone che continua a darmi consigli sull'approccio alla pesca a mosca. Cerco di impegnarmi al massimo, qualche trota si slama ma, finalmente, grazie a Simone che mi aiuta nel proporre una trattenuta sempre più "invitante", catturo il mio primo esemplare di trota con la pesca a mosca. Che bello! Un'emozione, l'inizio di una nuova esperienza. Tutto merito di Simone che ha saputo cogliere i miei errori, correggerli e indicarmi la soluzione per ingannare la fario. Arrivata l'ora di pranzo, gli impegni coniugali impongono di lasciare il fiume Sarca e di tornare a Trento. Lungo il tragitto scambiamo qualche opinione ed in me resta la consapevolezza di essermi confrontato con una disciplina, sicuramente tra le più eleganti e avvincenti del panorama alieutico.

Simone Beuzer, Guida di Pesca in Trentino

Cerchi una guida di pesca che ti aiuti con la pesca a mosca? Desideri effettuare esplorazioni guidate e non sai come fare, oppure non sai a chi affidarti? Fai come me: contatta Simone Beuzer al 388-3458616 o visita il sito www.pescatrentino.it !

Pubblicato il: 09/11/2018 18:20
Autore: Marco de Biase

Itinerari di pesca

Scopri i migliori spot per pescare in Trentino

Elenco completo

Lago di Tenno

Il lago dell’Isola che non c’è. La prima volta che ho sentito parlare del Lago di Tenno è stato nel 2015, quando un negoziante di pesca me l'ha descritto dipingendolo così. Un nome del genere evoca ricordi fantasiosi, che si vivono da bambino, e lascia anche spazio all’immaginazione. Ho fatto ricerche, mi sono informato chiamando l’associazione locale. Poi, ad aprile dello stesso anno,

Torrente Barnes

Cos'è la pesca per voi? Per me è soprattutto avventura. Il pesce viene in secondo piano. Prima di tutto è contatto con la natura, rigenerarsi, respirare aria pura con le gambe immerse in un torrente. In secondo luogo è una sfida: vincere la differenza di una preda, ingannarla, combattere la sua resistenza. Terzo, pescare vuol dire anche rispettare l'animale, quindi rilasciarlo. Se la dimension

Fiume Chiese

Ci sono angoli del Trentino che, per fortuna o per sfortuna, non sono ancora stati vittime del turismo di massa. Quel turismo, costituito anche da pescatori, che rovina un corso d'acqua, arrivando a compromettere la sua vitalità, obbligando a pesanti semine per tenerlo in vita, come se fosse un malato terminale. Questi angoli, reconditi e misteriosi, riguardano non solo i laghi del Trentino, bens